Faidatebook gli ebook del fai da te

Il primo sito italiano che offre esclusivamente manuali ebook sul fai da te, bricolage, hobby, giardinaggio, cucina e altri argomenti do it yourself

La sega a catena  è un attrezzo dalle eccezionali capacità di taglio: una catena dotata di denti molto affilati, scorre rapidamente su una barra d’acciaio (che presenta uno stretto binarrietto lungo il suo bordo) azionata da un motore (che può essere elettrico o a scoppio). Portando la barra con la catena in rotazione a contatto con il legno si effettua  un taglio potente e rapido. L’utilizzo della sega a catena ha, essenzialmente, due aspetti. Il più classico è quello del taglio di rami di alberi , nel bosco o nel  giardino. Ma l’applicazione che interessa di più il bricoleur è il taglio, a pezzi, di tronchi,  per la preparazione di ceppi da ardere 

 

LA STRUTTURA 

La sega a catena, come si è detto può essere dotata di un motore a scoppio o  elettrico. Il primo tipo è necessario  per chi lavora in un bosco, lontano dalle abitazioni. Il secondo è adatto per chi taglia legna  in giardino. La sega con motore a scoppio  può fornire anche una potenza superiore ma è più pesante e meno facile da maneggiare di quella elettrica. L’elemento che distingue una sega dall’altra (in termini di capacità di lavoro) è la lunghezza della barra ( lunghezze tipiche sono: 40, 50, 60 cm ed oltre). Una lunghezza maggiore permette di tagliare tronchi di diametro  maggiore ma è sicuramente più difficile utilizzare l’attrezzo.   Per un uso non professionale si può optare per una macchina con una barra non più lunga di 50 cm , con cui  si possono affrontare numerose operazioni di taglio. La sega catena è un attrezzo di grande pericolosità (potenziale) per cui  va maneggiata sempre con la massima attenzione ed in totale sicurezza perché i danni che essa può provocare sono notevoli.

 

REGOLAZIONE E IMPIEGO

La catena si monta sulla barra e sul pignone del motore , quindi s i stringe il bullone che blocca  la  barra e si regola la tensione della catena. La regolazione si può eseguire( a seconda dei modelli) tenendo in trazione la barra mentre   si stringe il bullone oppure azionando un apposita vite di regolazione. La catena è correttamente tesa quando, afferrandola con le dita, la si distanzia dalla barra di 7/8 mm esercitando una certa forza. La catena, durante il taglio deve essere costantemente lubrificata. Si riempie il serbatoio di olio speciale per seghe a catena  e si aziona la macchina a vuoto: durante il moto l’olio viene risucchiato automaticamente e quindi si deve notare qualche piccolo spruzzo di olio, schizzato dalla catena. 

 

Le sicurezze

Le migliori seghe a catena sono dotate di due elementi di sicurezza: il “freno catena”  e “l’arresto al contraccolpo”. Il primo ferma istantaneamente la catena quando si  rilascia  l’interruttore in modo che se l’attrezzo sfuggisse dalle mani  la catena si ferma subito. Il secondo sistema arresta il  motore qualo ra la sega rimbalzasse verso l’alto e rischiasse di colpire l’operatore.

 

COME SI TAGLIA 

Si indossano i guanti, e si riparano gli occhi. Prima del taglio  si compie il gesto “a vuoto” e si valuta quale traiettoria compie la barra dopo il taglio stesso: se sulla traiettoria c’è il nostro corpo si cerca  un’altra posizione. Accendete la macchina prima di mettere la barra a contatto col legno.  Poi portate la barra con la catena in movimento contro il pezzo da tagliare, tenendo quest’ultimo il più possibile vicino all’impugnatura per evitare le vibrazioni. Tagliate muovendo la barra in avanti o verso il basso, eventualmente imprimendo un leggero movimento altalenante come si fa con un coltello. A fine taglio non spingete la sega, ma anzi trattenetela nella sua eventuale caduta in avanti. Spegnete subito la macchina dopo il taglio. Attenzione a non toccare il legno con  la punta della barra perche la sega rimbalza all’indietro. A fine lavoro pulite bene la macchina, allentate la catena, e lubrificate barra e catena.