Faidatebook gli ebook del fai da te

Il primo sito italiano che offre esclusivamente manuali ebook sul fai da te, bricolage, hobby, giardinaggio, cucina e altri argomenti do it yourself

Dopo qualsiasi lavoro di pittura o di verniciatura è assolutamente necessario procedere ad una pulizia a fondo dei pennelli che sono stati utilizzati. I pennelli devono essere innanzitutto lavati con il solvente utilizzato nella pittura. Versate un paio di centimetri di solvente in un barattolino e quindi premetevi bene le setole del pennello in modo che esse rilascino la massima quantità di pittura.

Lasciate il pennello così con le setole a bagno nel solvente per una mezz’oretta quindi estraetelo e strizzatelo per bene. Poi ponete il pennello con le setole verso l’alto, sotto il getto del rubinetto e fate scorrere abbondante acqua. Il getto dell’acqua, penetrando tra le setole, asporta i residui di pittura ormai distaccati dal solvente e le fa scivolare via. 

Dopo questo lavaggio strizzate di nuovo le setole e procedete alla pulizia della fascetta metallica per mezzo di altro solvente e quindi asciugate accuratamente il tutto con di uno straccio o con carta assorbente. Il pennello così asciugato deve essere posto in orizzontale e mai appoggiato sulle setole: eventualmente potete forare il manico del pennello e appenderlo ad appositi chiodi su un pannello verticale. 

Se il pennello ha setole che tendono a rinsecchire rapidamente potete adottare questa soluzione: dopo una completa asciugatura (lasciate passare almeno 24 ore dal lavaggio) versate nelle setole poche gocce di olio minerale da motore o da lubrificazione, e muovete con le dita le setole in modo che esso si distribuisca per bene, quindi fasciate le setole con foglio d’alluminio (quello che si utilizza in cucina) e chiudetelo accuratamente, in tal modo le setole rimarranno ben lubrificate e morbide fino al prossimo lavoro. Se nel lavoro che seguirà userete vernice oleosintetica non c’è alcun problema, se invece utilizzerete vernice all’acqua dovrete preventivamente asportare l’olio con un leggero lavaggio in solvente e poi in acqua. 

Un sistema pratico per tenere le setole ben pulite durante un lavoro ripetuto per alcuni giorni, consiste nel riempire un barattolo con alcuni centimetri del solvente utilizzato nella pittura e inserirvi il pennello in modo che le setole stiano a bagno senza toccare il fondo. Questo si ottiene forando il manico del pennello ed inserendovi un piolino di legno o un lungo chiodo che, appoggiando sul bordo del barattolo, tenga sollevato il pennello in modo che le setole non appoggino sul fondo. Il livello del liquido non deve essere tale da raggiungere la fascetta metallica perchè a lungo andare potrebbe essere deteriorata. 

Se notate che dopo ripetuti lavori le setole del pennello si stanno allargando troppo nella parte terminale potete, a lavoro finito e a pennello lavato ed asciugato, stringere le setole con un elastico in modo che rimangano ben compatte. Eventualmente tagliate via con le forbici alcune setole deviate o spezzate e pareggiate la parte anteriore sempre con le forbici stando attenti però a non rendere irregolare l’estremità delle setole altrimenti la pittura che successivamente verrà stesa con quel pennello risulterà inevitabilmente ricca di striature.