Faidatebook gli ebook del fai da te

Il primo sito italiano che offre esclusivamente manuali ebook sul fai da te, bricolage, hobby, giardinaggio, cucina e altri argomenti do it yourself

Tra gli elementi decisivi della bellezza di una casa vi sono le tende. Realizzarle in proprio ci consente di personalizzare l’abitazione.

Le tende sono il naturale complemento delle finestre: non hanno solo l’utilizzazione pratica di intercettare la luce solare (difendendo i mobili e l’interno dell’ambiente) e fornire una adeguata privacy, ma hanno anche un’importante funzione estetica. 

Le tende possono essere applicate sia alla finestra direttamente, sia all’interno del locale. Sono più adatte le tende a finestra negli ambienti piccoli oppure dove vi è anche una forte produ­zione di vapore quali la cucina o il bagno. Nel soggiorno o nella camera da letto sono invece indicati tendaggi ampi che scendono fino al pavimento. 

Scelta del tessuto 

Quasi tutti i tessuti sono utilizzabili per confezionare le tende. Mentre vi accingete alla scelta tenete presente soprattutto il colore e la fantasia del tessuto: conviene adottare tinte pastello per le finestre che ricevono una buona quantità di luce e tende bianche per finestre che non ne ricevono molta. 

• Non lasciatevi tentare da stampati o colori troppo sgargianti perché, con il passare del tempo, vi stancherebbero e non si accorderebbero con l’arredamento, magari in evoluzione, della casa. Scegliete colori morbidi che si possano accordare con quelli di altri elementi d’arredo. Valutate il peso del tessuto, perché quelli pesanti, come il broccato e il damasco, sono adatti al confezionamento di tende molto ricche per ambienti classici, mentre quelli leggeri (come i sintetici) conferiscono al tendaggio un aspetto arioso e vaporoso ideale per ambienti moderni. Un tessuto leggero può anche essere foderato per meglio ridurre la luce o imbottito per trattenere il calore.  

Tipi di finestre

Nella valutazione del tipo di tenda da adottare va tenuto conto del tipo di finestra che la riceve. 

I tipi più comuni di finestre, quelle che si trovano più facilmente in tutte le abitazioni sono: 

• la porta finestra a più battenti ;

• la finestra a due battenti; 

• la vetrata panoramica. 

Porta finestra: per poter aprire e chiudere agevolmente i battenti, potete appendere le tende direttamente sulle ante ma, se lo spazio lo consente, è certamente più elegante adottare tendaggi da sospendere a un bastone (in legno o metallo) o a un binario scorrevole. In entrambi i casi le tende si spostano agevolmente con le mani o con la corda scorrevole quando si apre la porta finestra. 

Finestra a due battenti (la più comune in tutte le abitazioni): variano molto per dimensioni e forma. Va bene qualsiasi tipo di tenda. 

Finestra panoramica: di forma varia (come il bow-window) si presta a soluzioni molto diversificate come un accoppiamento tra tende a vetro e tende sospese.

Principali tipi di sospensione

I sistemi più utilizzati per sospendere le tende sono i bastoni ad anelli e i binari con carrelli scorrevoli.  Trovano maggior diffusione in tutte le case per la loro semplicità d’installazione e per la facilità di agganciamento delle tende. 

Il bastone con anelli, oltre che di legno, può essere di ottone o di materiale sintetico. Vi sono bastoni dotati di anelli e carrucola: le tende scorrono sul bastone azionando una cordicella. Nella versione normale, invece, si sposta la tenda con le mani. 

Si possono appendere le tende al bastone anche se questo è sprovvisto degli anelli. Le tende in questo caso si realizzano con tante fettucce (abbastanza ampie) cucite ad anello, quanto è la larghezza della tenda e si agganciano al bastone facendo passare il bastone all’interno delle fettucce. 

I binari con carrelli scorrevoli, in tutte le varie forme e fogge, una volta fissati alla parete o al muro, rimangono nascosti dalla tenda stessa. Le tende sono appese con pinzette o anellini e relativi ganci.

Le misure delle tende

Per realizzare tende scorrevoli sospese è essenziale rilevare misure precise in partenza. Fatelo con attenzione, per evitare ulteriori lavori di correzione che vanno a discapito della perfetta caduta delle tende.

Controllate sempre le misure prima di tagliare il tessuto e, poiché non tutti i pavimenti, le finestre e i soffitti sono regolari, misurate almeno in tre punti la larghezza e la lunghezza. Un sistema consigliato è quello di acquistare prima il binario o il bastone e fissarlo alla parete o al soffitto. 

Istallata la sospensione misurate la lunghezza della tenda partendo dalla base degli anelli del bastone o dei carrelli scorrevoli del binario fino al punto desiderato. Se fate tende corte lasciate 10 cm al di sotto del davanzale, mente le tende a tutta lunghezza dovranno arrivare a circa 2-2,5 cm dal pavimento. 

Aggiungete all’altezza 10-20 cm per l’orlo inferiore (calcolate sempre una buona abbondanza di centimetri di tessuto per eseguire gli orli che devono sempre essere ripiegati all’interno) e 8-10 cm per l’orlo superiore. Se le tende sono in tessuto pesante dovranno essere leggermente più corte, perché una volta appese, si allungheranno un po’.

 La larghezza

Scegliete la larghezza di una tenda considerando soprattutto l’elemento principale, ovvero la finestra. 

Osservate attentamente forma e dimensione, la posizione di questa nella parete, eventuali ostacoli presenti come tubi, radiatori, mobili ecc, che potrebbero impedire alle tende di cadere bene. Misurate la larghezza del binario/bastone scelto e aggiungete a questa misura il 50% più 20-30 cm per gli orli laterali e l’eventuale sovrapposizione dei teli e avrete la larghezza del tessuto occorrente.