Faidatebook gli ebook del fai da te

Il primo sito italiano che offre esclusivamente manuali ebook sul fai da te, bricolage, hobby, giardinaggio, cucina e altri argomenti do it yourself

I faretti a bassa tensione da incassare in una controsoffittatura, nelle basi di mobiletti pensili, nel tetto di armadi ecc, permettono di creare un’illuminazione gradevole che può essere modulata a piacere, concentrando i fasci luminosi o diffondendo al massimo la luce.

Gli elementi illuminanti possono essere di tipo alogeno a bassa tensione di alimentazione, ma si stanno rapidamente imponendo i faretti a LED.

Per realizzare illuminazioni diffuse e uniformi conviene ricorrere ad una serie di faretti che può essere alimentata a tensione di rete o a 24 (o 12) volt per mezzo di un trasformatore specifico. Il secondo tipo risulta più sicuro e non presenta problemi di utilizzo anche in locali umidi come il bagno o la cucina. I faretti non si scaldano e consentono una sostituzione più sicura delle lampadine quando si bruciano.

Per applicare un faretto ad incasso del tipo a bassa tensione nella base di un mobile pensile, si esegue il foro di diametro adeguato con la sega a tazza. Inserite la ghiera della lampada dal basso, tenendo ben pressate le molle contro il corpo. L’alloggiamento dev’essere sicuro ma non forzato. Inserite la lampada con frontale diffusore e montate la corona a scatto che la blocca nella sede. In certi modelli il bloccaggio avviene dall’alto.

Le mollette si allargano nella parte superiore bloccando la ghiera. Sulla lampada si montano le connessioni dei cavi d’alimentazione. Il trasformatore va installato nei pressi del faretto (o del gruppo di faretti). Se non vi sono altri ostacoli è possibile avvitarlo direttamente nel pensile.,Al trasformatore pervengono i cavetti di alimentazione (distanziati in foto per migliore comprensione) riuniti in un cavetto isolato.