Faidatebook gli ebook del fai da te

Il primo sito italiano che offre esclusivamente manuali ebook sul fai da te, bricolage, hobby, giardinaggio, cucina e altri argomenti do it yourself

Per poter azionare una o più lampade da due punti diversi è necessario realizzare un circuito, dotato di particolari comandi elettrici denominati “deviatori”. Come sempre ci si deve riferire alla più vicina cassetta di derivazione, in cui è possibile collegare i cavi di alimentazione. 

• Determinata la posizione del punto luce si deve predisporre un primo collegamento, per mezzo di una guaina flessibile incassata (o esterna) che va dalla cassetta al punto luce stesso.

• Questa operazione va fatta seguendo alcune norme: niente percorsi trasversali alle pareti, cavi con doppio isolamento per linee poste all’esterno, ecc. All’interno della guaina si pongono i cavi della sezione di 1-1,5 mmq. I due deviatori vanno collocati nei punti più opportuni per un agevole comando: possono essere collocati in prossimità di due porte d’accesso di un ambiente o su due pianerottoli.

La tecnica di installazione varia a seconda che si opti per un impianto sottotraccia (murato) o esterno.

Nel primo caso effettuerete dei fori nella parete sufficientemente ampi per accogliere le cassette e le scanalature per le guaine. Quindi applicherete gli elementi che fisserete con malta, prima di richiudere il tutto.

Nel secondo caso vi limiterete a montare a parete, con tasselli, gli elementi necessari al circuito. Generalmente ai deviatori deve arrivare una sola guaina per tutti i cavi, anche per quelli che collegano un deviatore all’altro. In taluni casi, però, può essere è conveniente porre due guaine una delle quali collega direttamente i due deviatori. Ciò viene fatto quando il percorso tra uno e l’altro è particolarmente facilitato dalla disposizione dell’ambiente. 

• Tutti gli interventi  vanno eseguiti dopo aver disconnesso la tensione.

Per saperne di più