Faidatebook gli ebook del fai da te

Il primo sito italiano che offre esclusivamente manuali ebook sul fai da te, bricolage, hobby, giardinaggio, cucina e altri argomenti do it yourself

Sverniciare il metallo (in generale ferro, acciaio) è un lavoro piuttosto semplice in quanto il metallo è molto resistente e sopporta  anche i trattamenti pesanti che vengono effettuati sulla sua superficie.

In genere si tratta di sverniciare cancellate, ringhiere e altre strutture in ferro che, dopo una lunga permanenza agli agenti atmosferici, mostrano segni di deterioramento e devono essere opportunamente trattati. 

Per sverniciare servono due utensili manuali, si tratta della spatola d’acciaio e della spazzola di ferro. La spatola deve essere a lama abbastanza stretta e resistente mentre la spazzola di ferro è bene sia del tipo con manico lungo in modo da tenere le mani lontano dalla zona di lavoro. 

La sverniciatura si esegue meglio se si riesce a smontare l’oggetto da sverniciare e collocarlo sui cavalletti ma, se questo non può essere fatto, cercate di lavorare in modo sicuro e comodo utilizzando scale oppure piccoli ponteggi che affrancherete al suolo o ad altre strutture.

Per asportare totalmente la pittura da un manufatto di metallo è molto pratico usare la torcia a gas. Si tratta di un particolare cannello a gas liquido che viene montato sopra una piccola bomboletta. Le torce a gas vengono vendute in modelli molto diversi: vi sono quelli che hanno l’accensione piezoelettrica e quelle che funzionano in ogni posizione, anche rovesciate. In genere la torcia a gas è ricaricabile per mezzo di bombolette a perdere che vengono inserite nel contenitore e avvitate al bruciatore. La torcia viene accesa ruotando la manopola di erogazione del gas e facendo scoccare la scintilla (oppure accendendo un fiammifero) davanti all’ugello. 

Regolando la manopola in modo opportuno si ottiene una adeguata miscelazione tra gas e ossigeno dell’aria in modo da ottenere una fiamma corta ma molto calorifica e potente. 

Tenendo la torcia a una distanza di circa 4-5 cm dall’oggetto da sverniciare, rivolgete la fiamma contro di esso. Noterete che, dopo alcuni secondi, la vernice rammollisce e si mette a “bollire”. In quel momento agite con la spatola appoggiando il filo della lama e spingendo in avanti in modo da raschiare via la pellicola di pittura che è stata riscaldata: con un poco di pratica e pazienza otterrete ottimi risultati. 

Naturalmente è molto più semplice togliere la pittura da una superficie piana e continua che non da una superficie sagomata o variamente modellata. In queste zone è più facile arrivare con le setole di metallo di una spazzola di ferro. La tecnica è sempre la stessa: rivolgete la fiamma contro la superficie da lavorare e quindi passate energicamente la spazzola in modo da togliere ogni traccia di pittura. 

Quando tutta la struttura da sverniciare è stata trattata con la torcia montate, sul trapano, una spazzola d’acciaio di tipo rotativo ed eseguite una pulizia a fondo di tutta la superficie in modo da asportare anche le scaglie ed eventuali rimasugli di pittura che non si fossero distaccati con l’operazione di sverniciatura. Ricordate sempre di utilizzare, durante i lavori eseguiti con la torcia, con il trapano e la spazzola rotativa, sia i guanti che gli occhiali protettivi

In alternativa alla torcia a gas si può impiegare la pistola ad aria calda, che permette di eseguire un lavoro accurato con maggiore sicurezza. La pistola crea un getto d'aria a temperatura superiore ai 500 gradi. Rivolgendo il soffio verso il metallo si ottiene il medesimo risultato ottenuto con la fiamma e la vernice o la pittura si eliminano come già descritto.