Faidatebook gli ebook del fai da te

Il primo sito italiano che offre esclusivamente manuali ebook sul fai da te, bricolage, hobby, giardinaggio, cucina e altri argomenti do it yourself

Può capitare che un tubo dell’acqua si metta improvvisamente a perdere oppure che trafili goccia dopo goccia per lungo tempo. In genere queste perdite avvengono in corrispondenza di giunti o manicotti a causa del deterioramento del materiale isolante interno (solitamente canapa o nastro di teflon). 

L’unica vera riparazione consiste nel sostituire il tubo o nel ripristinare il giunto ma si tratta di un lavoro che conviene far eseguire da un idraulico specializzato. Nell’eventualità che la perdita sia improvvisa e abbastanza consistente bisogna chiudere immediatamente la valvola principale per togliere pressione all’acqua e quindi eseguire l’asciugatura di ciò che si è bagnato. 

Se avete assoluta necessità dell’acqua e quindi non potete tener chiusa la valvola per lungo tempo, potete eseguire alcuni interventi di fortuna in modo da poter usufruire dell’impianto idrico nell’attesa dell’idraulico. 

Con lo stucco 

Esistono in commercio appositi stucchi bicomponenti che possono essere applicati sulla venatura o sulla trafilatura del tubo. Dopo aver prelevato un adeguato quantitativo di stucco impastatene i due componenti in modo da amalgamarli alla perfezione: a questo scopo i due componenti sono di colore diverso in modo da rendere direttamente visibile se sono ben impastati. Applicate lo stucco, con le dita, sul punto della perdita e fate una stretta fasciatura con nastro adesivo o con bende. Dopo circa un paio d’ore (dipende anche dalla temperatura esterna) lo stucco è indurito a sufficienza e potete reimmettere acqua nell’impianto, magari senza aprire completamente la valvola, ma lasciandola mezza chiusa per ridurre la pressione. 

Col tubo di gomma 

• Un altro sistema consiste nell’utilizzare un tubo di gomma(o di altro materiale flessibile) tagliato per il lungo che può essere inserito a mò di manicotto sulla perdita e stretto fortemente per mezzo di due fascette metalliche. Le fasce metalliche sono costituite da nastri d’acciaio chiusi ad anello che possono essere strette od allargate per mezzo di una vite. 

Aprite completamente le fascette e, dopo aver applicato lo spezzone di tubo di materiale flessibile sulla perdita, circondate il tubo e stringetele fortemente in modo che la gomma venga pressata contro la parte che perde.

Manicotti a vite 

• Una riparazione senz’altro più valida consiste nell’utilizzare i particolari manicotti antiperdita. Si tratta di corti canotti di metallo rivestiti internamente con gomma spessa che possono essere inseriti sul punto ove c’è la perdita e stretti con apposite viti. Questo tipo di intervento può anche essere molto duraturo e risolvere il problema. Ma certamente non è possibile tenere in casa manicotti di vario diametro per intervenire in un evento così raro.

Se l’intervento è reso impossibile da varie situazioni si può eliminare una parte del tubo, quella con la perdita, e collegare i due tronconi con tubo idrico flessibile fissato saldamente con fascette. In situazioni ancora più estreme conviene tagliare il tubo danneggiato e tappare un’estremità. Si tratta di soluzioni temporanee per evitare allagamenti se non si può rinunciare all’acqua corrente.