Faidatebook gli ebook del fai da te

Il primo sito italiano che offre esclusivamente manuali ebook sul fai da te, bricolage, hobby, giardinaggio, cucina e altri argomenti do it yourself

Abete 

È il legno più diffuso in falegnameria e nell’arredamento di interni. Abbastanza resinoso, si trova in due tipi diversi: l’abete bianco e quello rosso. Il primo è meno pregiato, presenta abbondanti nodi e ha una venatura non molto evidente. Si usa per telai, legname strutturale per interni, perlinature, ecc. Il secondo, più giallo e compatto, si lascia lavorare meglio, senza la formazione di schegge ed è usato nell’industria del mobile. 

Acacia 

Legno molto robusto, compatto e di fibra dura. Resiste molto bene all’umidità per cui è adatto all’impiego nella realizzazione di strutture portanti esterne (tettoie, palizzate (ecc). 

Il suo bel colore e la evidente venatura vengono esaltati dalla lisciatura (che riceve molto bene) e dalla successiva lucidatura. Ottimo anche per la tornitura e per la realizzazione di oggetti intagliati. 

Acero

Legno di buona compattezza, molto chiaro, con venature rosate. Poco resistente all’umidità e agli agenti esterni, non è adatto a costituire strutture esterne. È impiegato quasi esclusivamente per realizzare piallacci e intarsi, anche di notevole valore in ebanisteria. Ottimo anche per lavori di torneria.  

Balsa

Legno di eccezionale leggerezza, è originario dell’America Centrale. Non serve per realizzare elementi strutturali ma solo per decorazioni o parti aggiunte. Grazie alla sua leggerezza è il legno ideale per la costruzione di modellini d’aereo o di navi. La superficie è estremamente spugnosa per cui non è facile il taglio con la sega (si utilizza una lama affilata) mentre la pittura viene ostacolata dalla sua alta assorbenza. Flessibile e fragile, non si deforma facilmente. 

Betulla

Legno molto tenero e poco resistente. Si usa solo in applicazioni interne in quanto all’esterno dura poco perché assorbe troppo l’umidità. Si utilizza quasi esclusivamente per la realizzazione di pannelli di compensato ma è anche adatto alla lavorazione al tornio. Ha un delicato colore rosa pallido. 

 Bosso 

Legno con fibra dritta e regolare, è molto robusto e resistente. È adatto per la realizzazione di piccoli oggetti grazie alla sua ottima lavorabilità al tornio e all’intaglio. Col bosso si realizzano anche i manici di attrezzi e le teste dei mazzuoli per scultura. 

 Castagno

Essendo una delle essenze più diffuse in Europa viene usato in molte applicazioni. Grazie all’elevato contenuto di tannino resiste in modo eccezionale all’imputridimento per cui è adatto a essere collocato all’esterno. Ottimo come elemento strutturale per recinzioni e altre strutture esposte alle intemperie. Ben lavorabile, è utilizzabile anche nella falegnameria di interni, nella realizzazione di mobilio e in torneria. Con viti e chiodi forma macchie visibili per la presenza del tannino. 

Cedro

Legno aromatico a tessitura larga e regolare. Abbastanza delicato, non è adatto alla realizzazione di elementi strutturali esterni o interni ma viene utilizzato per rivestimenti e pannelli per mobili con funzione non portante. 

Douglas 

Legno resinoso e resistente agli agenti esterni. Quando è lavorato e lucidato ha un bel colore rosato. Viene utilizzato in numerose applicazioni, dalla realizzazione di perline a quella per mobilio. Ottimo per la realizzazione di paniforti listellari. Il legno tende a “muoversi” se non è essiccato alla perfezione. 

 Ebano  

Legno molto pregiato di colore scuro, tendente al nero. Compatto e molto pesante (non galleggia nell’acqua) viene utilizzato in ebanisteria nella realizzazione di elementi raffinati e intagliati in mobili di classe. Ottimo per la scultura e la tornitura ha la caratteristica di logorare rapidamente l’affilatura degli utensili.  

Faggio

Legno molto compatto e flessibile, resiste bene agli urti. Quando è lisciato ha un bel colore marroncino chiaro con marezzature scure. Ottimamente lavorabile e tornibile è adatto per la realizzazione di oggetti di legno (piatti, ciotole, utensili da cucina). 

Frassino

Estremamente flessibile, si spacca molto difficilmente. Grazie a questa sua proprietà viene utilizzato per realizzare oggetti curvi e variamente sagomati e parti di mobili con tali caratteristiche. Date le sue qualità può essere impiegato all’interno e all’esterno, in una grande varietà di applicazioni. 

Mogano 

Legno piuttosto duro ma di media robustezza. Di colore rosso scuro, ha venature molto fini e strette. Si lavora bene e lo si utilizza variamente: dalla impiallacciatura alla pannellatura, ma anche per la costruzione di mobili e per intaglio e scolpitura.  Ottimo per la tornitura, è molto stabile dopo la lavorazione se è ben stagionato. 

Noce

È tra i più pregiati legni europei. Di durezza media, presenta un bel colore marroncino con eleganti venature, esaltate dalla levigatura e dalla finitura superficiale. Ottima la sua resistenza alle spaccature e alle flessioni. Ideale per la costruzione di mobili pregiati e di qualità, è anche ottimo in torneria, nell’intaglio e nella scultura. Viene anche utilizzato per la realizzazione di piallacci. La stagionatura è lenta ma essenziale per ottenere un risultato di ottimo livello.

Obeche

Legno esotico di particolare resistenza alla flessione e ai carichi. Fibre lunghe e intrecciate. Non accetta facilmente i chiodi e le viti ma si assembla bene per incollaggio. Viene utilizzato preferibilmente per la realizzazione di telai e dei fianchi dei cassetti, sottoposti a un gravoso lavoro.  

Olivo

È un legno molto pregiato grazie alla sua spettacolare venatura e fiammatura.  L’albero di olivo non è molto alto ed è spesso ritorto per cui non si riescono a ottenere tavole lunghe e larghe. Per questo motivo l’olivo, che è duro e compatto, è particolarmente adatto alla realizzazione di oggetti, è valido in torneria ed eccellente nei lavori di intarsio mentre i mobili, raffinati ed eleganti, risultano estremamente costosi.  

Olmo

Legno particolarmente duro e di buona qualità. La sua principale caratteristica è quella di resistere ottimamente all’umidità per cui è ideale per l’impiego nella realizzazione di strutture destinate a rimanere all’aperto. Il colore è marroncino pallido con belle venature rossastre.  

Palissandro 

Legno durissimo e molto pregiato. Il suo impiego è quasi esclusivamente in ebanisteria di ottimo livello. Ha un particolare colore rosa che tende al viola ed è specificatamente adatto ai lavori di intarsio. Se nel montaggio è sottoposto a tensioni si imbarca facilmente. 

Pino

Legno utilizzato in diversi modi grazie alle numerosissime specie presenti in commercio. Il legno è abbastanza tenero ma sufficiente resinoso per cui resiste abbastanza bene all’umidità. Utilizzato in falegnameria d’esterni e interni, per la realizzazione di intelaiature di mobili e per la costruzione di mobili stessi, in preferenza di carattere rustico. 

Pitch-pine 

Legno resinoso, proveniente dall’America del Nord, simile al pino nostrano ma abbastanza nodoso. Gli impieghi sono simili, però è più usato nella realizzazione di serramenti, dato che la fibra è un poco più compatta. 

Platano 

Legno abbastanza duro e flessibile, ma non particolarmente resistente all’umidità e ai parassiti. Per questo motivo viene utilizzato specialmente per impiallacciature e intarsio. Valido in torneria.

Quercia 

Sotto questo nome vi sono diversi tipi di essenze provenienti da varie parti del mondo. Quella italiana più diffusa è il rovere. Tra le querce più utilizzate vi è quella rossa, americana dotata di buona resistenza ed adatta alla costruzione di mobili, per falegnameria varia per interni, impiallacciature e pavimentazioni. 

Ramino 

Legno esotico duro e compatto simile al faggio. Adatto per la realizzazione di aste, manici, modanature, profilati e tondini. Lisciabile e ben verniciabile e trattabile è ottimo anche per la tornitura. 

Rovere 

È un tipo di quercia, molto diffuso e utilizzato. Il legno ha fibre diritte ed è povero di nodi. Duro e compatto è anche abbastanza flessibile e resiste abbastanza bene agli agenti esterni. Trova moltissimi impieghi dalla falegnameria di interni e esterni, alla realizzazione di mobili di una certa qualità. Molto usato nella realizzazione di parquet e pavimentazioni a listoni

Tasso

È il legno dolce più duro che esista. Ha una notevole resistenza agli agenti esterni e all’umidità. Si usa per realizzare impiallacciature, per la realizzazione di utensili di legno, per la scultura e per tornitura. 

Teack 

Legno esotico molto duro e resistente, particolarmente all’umidità data la speciale untuosità della sua fibra. Ben lavorabile e lisciabile è adatto per la realizzazione di infissi e mobili di buon pregio. Sono anche molto valide le pavimentazioni realizzate con questa essenza. Data la sua untuosità non è facile da pitturare. 

Tiglio 

Legno abbastanza tenero e resistente alla flessione. Valido per diverse lavorazioni, è particolarmente adatto per lavori di tornitura e intaglio.